Il vino è sicuramente un alimento molto importante per la nostra cultura e tradizione. La dieta mediterranea, infatti, prevede il consumo di moderate quantità di vino (1 o 2 bicchieri) durante i pasti, anche perché, oltre a fornire nutrienti, gli sono state attribuite molte proprietà positive per il nostro benessere. Una tra queste è l’effetto modulatore sul colesterolo: la presenza di alcol infatti, assunto in quantità limitate, produce un incremento del cosiddetto “colesterolo buono”, HDL, la cui attività è quella di andare a recuperare il colesterolo in eccesso nel torrente circolatorio e di riportarlo al fegato. Oltre all’alcol ci sono anche altre componenti minori, presenti soprattutto nel vino rosso, i polifenoli (acidi fenolici, le antocianine, i flavonoli, le catechine, le procianidine, i tannini e il resveratrolo ) che sono dei potenti antiossidanti in grado di catturare i radicali liberi che, altrimenti, andrebbero a colpire e, quindi, a danneggiare, cellule e molecole molto importanti. Per questi motivi un consumo regolare e moderato di vino può favorire una riduzione del rischio dell’insorgenza di malattie cardio-vascolari e contribuire al benessere generale del nostro organismo.

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon

©2017 Fondazione Alario per Elea - Velia onlus

Viale Parmenide, fraz. Marina | 84046, Ascea (SA)

Email: info@fondazionealario.it - Tel:  0974 971197
Credits